L'AZIENDA

Il nostro desiderio a Podere La Berta è quello di condividere lo spirito del buon vivere in Romagna.

 

Tradizione

A Brisighella, su una collina che sorge tra calanchi, vigneti, pini, ulivi e che guarda il mare, c’è una cantina a misura d’uomo che crede nell’artigianalità, nell’autenticità e nella forza della natura.

Qui a Podere La Berta abbiamo sempre amato questa terra per la sua personalità e per la voglia di chi la abita di recuperare il tempo da dedicare alle cose belle, che racchiudono valori antichi che si tramandano tra generazioni.

Dal 2009 la famiglia Poggiali assume la responsabilità di un percorso iniziato negli anni ’70 e avvia un processo di recupero incondizionato, affiancando alla vocazione del territorio intraprendenza, esperienza, visione, costanza, sensibilità e grande attenzione alla qualità.

I tre fratelli Giovanni, Nicolò e Domenico si impegnano con Podere La Berta in un nuovo progetto culturale di valorizzazione dell’identità romagnola portandola verso il futuro.

 

Territorio

Dalle colline dell’Appennino Tosco-Romagnolo, Podere La Berta si affaccia sulla Valle del Lamone, l’antica direttrice per Firenze, tra Faenza e Brisighella.

La nostra cantina è situata proprio sulle colline di Brisighella, uno dei borghi più belli d’Italia. Un luogo magico sovrastato da tre colli che ne caratterizzano il paesaggio, circondato da ulivi, vigne, calanchi, alberi di frutti dimenticati, carciofaie di Moretto, boschi che regalano tartufi…

Ci impegniamo a sostenere questo nostro territorio, che fa crescere gustosi ingredienti e che fa proliferare mestieri antichi e nuove idee, tutti fatti con le mani.

 

Vigneti

Ventidue ettari di terreno ricco d’argilla, che conserva e tramanda i segni della presenza umana e conferisce al vino il suo carattere particolare, infondendo il respiro della natura nel rosso intenso e nel bianco dorato dei grappoli.

Per essere fedeli all’identità del territorio, coltiviamo solo vitigni autoctoni: il Sangiovese è il vitigno su cui concentriamo il nostro lavoro come da tradizione di famiglia, ma coltiviamo anche Albana, Trebbiano, Pagadebit.

I nostri vini sono il frutto di una estrema purezza ed essenzialità, che parte dalla vigna e arriva senza compromessi in bottiglia: una piccola produzione per un invitante racconto di territorio.

 

Simboli

La Romagna è una terra dalle forti tradizioni contadine, con un patrimonio fortemente identitario di sapori, conoscenze, costumi, riti, tecniche, competenze e approcci all’insegna della bellezza e del buon vivere. Podere La Berta si fa portavoce del recupero di questa cultura rurale, per riportarla a galla, comunicarla, tradurla e valorizzarla ai giorni nostri.

I simboli che abbiamo scelto per rappresentarci evocano proprio questo immaginario collettivo, a partire dalla Caveja presente nel nostro logo. La Caveja è un perno di ferro battuto di origine celtica che veniva utilizzato sul carro a quattro ruote per bloccare il giogo in caso di strattoni o discese ripide. Interamente fatta da abili mani artigiane, ogni pezzo era unico e veniva decorato con anelli che risuonavano al movimento dei buoi, creando per ogni famiglia una diversa sonorità. 

Le etichette dei nostri vini sono invece dedicate ad altri grandi protagonisti della cultura popolare romagnola, i frutti dimenticati, piante antiche che a inizio del secolo scorso si trovavano presso le case coloniche romagnole o nei margini dei campi, o addirittura a sostegno delle viti. Fino all’ultimo dopoguerra hanno fornito ai contadini un’integrazione ai loro pasti e venivano considerati potenti rimedi medicamentosi, spesso citati in fiabe, modi di dire, ricette. Corbezzolo, sorbo, azzeruolo, mela cotogna, albicocco, melograno, corniolo, pera cocomerina, sono solo alcuni di questi antichi tesori, spontanei e tradizionali, che rivivono nelle nostre etichette: ogni frutto è illustrato a matita, come uno schizzo di botanica, per diventare il simbolo di ciascun vino, accompagnato da un colore che ne risalta la sua storia dentro il nostro mondo.